CalcioNapoliNews.it
Cerca tra gli articoli
gif
link Homepage    link Email    linkForum     link Chi siamo    link Links     Maradona DayMaradona Day
   linkFile Audio Gol    Area Jolly- Foto, ScreenSaver, Desktop, ...Area Jolly    La Rosa La Rosa     Archivio StoricoArchivio Storico
Naldi, "Lavoro per sblocco campionato"
Il presidente azzurro all'opera per far partire quanto prima la B, intanto la Figc fa sapere che sono 'regolari' le nuove fideiussioni

28 Agosto 2003 -- "Non escludo che domani il Napoli possa partire per il ritiro in vista della trasferta di sabato di Verona". Il presidente del Napoli, Salvatore Naldi, considera "estremamente incerta" la situazione in vista della decisiva assemblea di Lega che domani deciderÓ sulla partenza, sabato, del campionato cadetto. "Se si mantiene la compattezza attuale - ha detto Naldi nel corso della presentazione del nuovo sponsor Pastificio Russo di Cicciano - di sicuro sabato non si gioca, ma questa compattezza potrebbe essere incrinata se prevalessero le valutazioni relative ai soldi che Sky concede alle societÓ".

Naldi, comunque, ha detto che fino a ieri ha continuato a lavorare perchŔ si iniziasse il campionato per il prossimo 7 settembre: "Al ds Perinetti - ha aggiunto Naldi - ho detto che si deve sempre essere pronti a partire perchŔ in questo mondo del calcio quello che valeva ieri non vale oggi. Con la buona volontÓ si pu˛ riuscire a risolvere questa situazione. Io - ribadisce il patron azzurro - sto cercando di svolgere il ruolo di mediatore. Devono ragionare, perchŔ la situazione si pu˛ sbloccare".

Nonostante le parole del presidente i giocatori del Napoli non sono molto fiduciosi sull' inizio del campionato e, per via degli infortuni (ieri Tosto si Ŕ aggiunto alla lista che vede bloccati Saber, Vieri e Floro Flores), sperano in uno slittamento del campionato. "E' una situazione che non ci fa stare tranquilli - dice il capitano azzurro Dario Marcolin - se non si gioca va a finire che si sfasa tutto il campionato". Anche per l'allenatore del Napoli Andrea Agostinelli in questa situazione Ŕ difficile stare tranquilli: "Oggi Ŕ giovedý e, non so ancora se sabato partirÓ il campionato. A questo punto, visti gli infortuni, io spero di no".

Il trainer analizza la gara persa contro la squadra di Capello: "Nel primo tempo siamo stati pari ai nostri avversari; nel finale Ŕ andata molto meglio, anche se so che non incontreremo nel corso di questo campionato squadre come la Roma e la Juve. Non possiamo permetterci, per˛, di fare simili errori. Bisogna sbagliare di meno e spingere di pi¨. Le ultime due reti dei giallorossi sono state dovute alla circostanza, ma il primo gol, quello al 44' mi ha fatto arrabbiare davvero perchŔ fino a quel momento eravamo stati impeccabili. Errori come questi determinano un campionato".

Per Agostinelli "sotto il profilo della manovra il Napoli ha giocato un buon calcio, anche se ci sarÓ da migliorare. Nel reparto di centrocampo ho visto il miglioramento di Olive, in quel settore ho una buona scelta". L'allenatore azzurro si rammarica perchŔ il risultato Ŕ troppo pesante rispetto a quello che la squadra la prodotto: "Tra serie A e B - conclude - c'Ŕ sia una differenza tattica che fisica. Loro sembravano dei giganti. Ora noi dobbiamo pensare al campionato anche se non sappiamo quando inizierÓ. Per la partenza bisogna essere almeno all'80%".

Intanto dalla Figc fanno sapere che Roma, Napoli e Spal sono state regolarmente iscritte ai campionati di competenza (rispettivamente A, B e C1) dopo che i tre club hanno presentato nuove garanzie economiche a seguito della vicenda delle false fideiussioni.