CalcioNapoliNews.it
Cerca tra gli articoli
gif
link Homepage    link Email    linkForum     link Chi siamo    link Links     Maradona DayMaradona Day
   linkFile Audio Gol    Area Jolly- Foto, ScreenSaver, Desktop, ...Area Jolly    La Rosa La Rosa     Archivio StoricoArchivio Storico
Pane e calcio
La rivoluzione della domenica. Partite dal venerdý con anticipi all'ora di pranzo.

13 Gennaio 2010 -- Spalmare il campionato di Serie A su quattro giorni, con partite anche di venerdý e lunedý. E' questo il progetto al vaglio della Lega calcio e un inedito anticipo al venerdý dovrebbe essere programmato per Milan-Udinese a febbraio, quando i rossoneri saranno impegnati il martedý successivo negli ottavi di Champions League. Lo stesso trattamento ha chiesto l'Inter, in vista del ritorno contro il Chelsea, a marzo.

''Laddove il calendario lo consentirÓ cercheremo di esaudire le richieste delle societÓ - spiega il direttore generale della Lega, Marcio Brunelli, annunciando che cambiamenti di palinsesto - sono allo studio. Ci sono, per˛, due vincoli insormontabili: i format dei campionati 2010/11 e 2011/12 giÓ comunicati al mercato e la compatibilitÓ con il calendario delle manifestazioni nazionali e internazionali che limitano lo spazio di manovra'.

Il format giÓ prevede la novitÓ della partita all'ora di pranzo (nella stagione in corso solo all'Epifania e la domenica prima di Pasqua) e, aggiunge Brunelli, ''in un numero limitato di occasioni proveremo a spostare un anticipo del sabato al lunedý sera. SarÓ possibile in 5 o 6 casi''.

Inoltre, aggiunge il dg della Lega, ''e' allo studio un'ulteriore modifica per dare gli stessi giorni di riposo di cui godono le avversarie alle nostre squadre impegnate nelle coppe europee, nell'interesse del sistema che deve difendere il terzo posto nel ranking continentale. In alcune circostanze - spiega - vedremo di fare anticipare il campionato al venerdý per chi e' impegnato di martedý e molti club hanno chiesto di anticipare al sabato anche quando giocano di martedý nella fase a gironi''.
(Fonte RAI)